CHI DECIDE COSA PUOI REALIZZARE NELLA TUA CARRIERA?


-OUR BELIEFS ARE THE VEHICLE THAT CAN TAKE US FAR IN LIFE OR HOLD US BACK – Oprah W.

Lo facciamo tutti, chi seduto alla scrivania in un momento di pausa, chi mentre è in riunione, chi mentre riordina casa, chi mentre prepara da mangiare, chi quando sta per addormentarsi la sera. Tutti, più o meno consapevolmente, sognamo, speriamo, desideriamo qualcosa per il nostro futuro.

Alcuni sono pensieri consapevoli, altri, sono sotto la superfice, non li realizzi ma sono constantemente all’opera ed hanno un’impatto importante sulla tua vita perchè solitamente danno forma alla realtà che ti circonda. In base alle tue convinzioni, percepisci le cose che succedono, prendi decisioni, scegli di fare o di non fare tante cose.

Allora anche quando pensi al lavoro, quando pianifichi di tornare a lavorare dopo una pausa o di crescere nel percorso lavorativo che stai facendo, diventa importante fare chiarezza su quali sono le tue convinzioni limitanti e su come ti influenzano: altrimenti sarebbe un pò come cercare di arredare una casa con splendidi mobili nuovi, prima di aver fatto le pulizie.

Il rischio è quello di fissarsi obiettivi, pianificare, dedicare molte energie e raccogliere solo frustrazione perchè il risultato non è quello desiderato.

Cosa è una convinzione limitante:

è un pensiero-concetto che la nostra mente prende come verità o realtà.

Le convinzioni ci coinvolgono dal punto di vista mentale, emotivo, spirituale, fisico ed è proprio per il fatto che fanno parte della nostra vita a così tanti livelli che sono così potenti.

Molti le definiscono le “le lenti attraverso le quali guardiamo il mondo” e per questo:

  • influenzano come percepiamo gli avvenimenti
  • ci guidano nel definire cosa è buono, cattivo, pericoloso, possibile o impossibile
  • definiscono le nostre aspetttive
  • influenzano le nostre decisioni e le nostre azioni

Sono come delle efficientissime assistenti virutali che organizzano la nostra vita senza che riusciamo ad accorgerci della loro presenza.

E se questo significa che quando abbiamo convinzioni positive queste ci porteranno a grandi risultati, è di quelle negative o limitanti che dobbiamo essere consapevoli e provare a liberarcene.

Da dove arrivano e come si formano?

Solitamente le ereditiamo dalla nostra famiglia, da ciò che ci è stato detto ed insegnato da piccoli, da ciò che abbiamo osservato o dalle esperienze fatte con il passare degli anni.

A volte è la frase di un’insegnate che ci ha svilito davanti a tutta la classe, la battuta di un’amico che ci ha ridicolizzato o il comportamento di qualcuno che ci ha ferito. Lo assorbiamo ed associamo quel tipo di evento ad un certo tipo di risultato e tenderemo ad aspettarci lo stesso risultato da eventi simili.

Durante le mie sessioni mi capita spesso di chiedere

“se non avessi vincoli di età, geografia, economici e di altro genere, cosa vorresti essere, fare ed avere nella vita?”

Sembra una domanda scontata e facile ma la verità è che nel 90% dei casi genera smarrimento e rigidità.

“Eh, magari potessi non avere vincoli economici”

“Sarebbe bello poter ricominciare una carriera nuova, ma chi può?”

Ho sentito ogni genere di obiezioni, perchè anche se stiamo solo parlando ipoteticamente, la resistenza nell’infrangere la nostra definizione di ciò che è POSSIBILE è altissima.

Esempi di convinzioni limitanti sul lavoro:

  • vorrei avere quel lavoro, ma non sono abbastanza qualififcato
  • vorrei fare la mamma ed allo stesso tempo lavorare, ma nella vita non si può avere tutto
  • solamente quelli bravi a fare le PR riescono a fare carriera
  • vorrei cambiare lavoro/carriera, ma sono troppo vecchio per farlo
  • vorrei iniziare una mia attività, ma visto come gira oggi l’economia è impossibile

Come fare a scoprire quali sono le nostre convinzioni limitanti relative al lavoro:

  • dove non hai ciò che vuoi?
  • dove ti sembra di aver provato a fare di tutto ma non sei riuscito a raggiungere il risultato desiderato?

Prendi carta e penna e dedicati del tempo ad analizzare queste aree della tua situazione lavorativa. Scrivi quali sono le giustificazioni, motivazioni che ti dai. Quale storia ti stai raccontando?

Come gestirle

Una volta identificate le tue convinzioni ti suggerisco di affrontarle una alla volta e per ciascuna:

  • scrivila: vederla nero su bianco aiuta a prendere consapevolezza che per te oggi quell’affermazone corrisponde a realtà
  • cercane l’origine: quando ho iniziato a pensarla così? In base a che avvenimenti ho deciso che fosse vera?
  • mettila in discussione: lo pensi veramente o è solo una frase che ti è stata ripetuta per 30 anni? Cerca degli elementi oggettivi, dei comportamenti diversi di persone che conosci che dimostrino che la tua credenza non corrisponde a realtà. Ipotizza cosa accadrebbe se fosse vero esattamente l’opposto
  • valuta le conseguenze: se continui a pensare che sia vera che effetto avrà sulla tua vita? Quali decisioni prenderai? Quali azioni non farai? Cosa ti impedisce di fare?
  • rimpiazzala: dopo averla messa in dubbio prova a riformularla per iscritto con una convinzione positiva che ti permetta di arrivare al raggiungimento dei tuoi obiettivi
  • toglile nutrimento: quali sono le situazioni, persone e i gesti che la rendono forte? Cerca di evitarli o eliminarli
  • agisci: cosa faresti senza quella convinzione? Prova a fare dei piccoli gesti quotidiani che non la rispettino ed osserva cosa succede

Come per tutte le aree della nostra vita anche in questo caso tutto parte da noi, da una nostra scelta di voler diventare consapevoli di ciò che ci trattiene dal realizzare i nostri obiettivi lavorativi e dalla scelta di intraprendere le azioni necessarie per cambiare.

Qui trovi una scheda pratica (in inglese) da usare per capire quali sono le tue credenze limitanti sul lavoro: clicca qui.

Capire quali sono le credenze che ti bloccano è il primo passo nel tuo percorso di cambiamento. Partendo da un punto di maggior chiarezza potrai definire degli obiettivi che siano veramente in linea con ciò che vuoi e ti fa stare bene.

Se hai bisogno di un supporto io posso aiutarti a:

  • identificare le tue credenze limitanti e formularne di nuove che ti corrispondano
  • capire quali sono degli obiettivi di vita e carriera che rispecchino pienamente chi sei e cosa vuoi
  • creare un piano mirato perché il cambiamento che cerchi diventi una realtà

Se non sai da dove partire contattami per UNA SESSIONE DISCOVERY GRATUITA scrivendomi a giada.varvello@gmail.com

 

If you would like to share...Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *